Elaborazione E.402b

Elaborazione di una E.402b Rivarossi

Visto che oggi è stata una giornata “sonnacchiosa” mi sono messo sotto modificando una vecchia E.402b 133 Rivarossi made in Italy (anno 2003) con una storia decisamente particolare…

In pratica cominciai con la sola cassa XMPR; mio padre se la aggiudicò ad un’asta (già, mio padre trova tutto e io puntualmente glielo frego) insieme a quella della D.443 che qualche settimana fa ho adattato sul telaio della Lima HL della D.445. Era senza pantografi e trombe ma in ottime condizioni (ok, è la versione con errore di stampa poiché mancano le viti sui laterali del frontale, ma per 10 euro ci si può accontentare). Casualmente poche settimane dopo sempre in un’asta trovai, in Francia, un telaio motorizzato e perfettamente funzionante della 402b Rivarossi di produzione Italiana a pochissimo (50 euro circa). A quel punto poteva cominciare l’operazione di ripristino: riuscii a mettere le mani su due pantografi ATR90 (è dura trovarli, veramente dura!) e cercando tra i E.402b Rivarossiricambi trovai due trombe in ottone. Restava solo da rimontare la cassa sul telaio, o forse no. Mancavano i dettagli del sottocassa (quelli appena sopra ai carrelli che si inseriscono a pressione) e le fasce frontali con i numeri; per fortuna erano disponibili sul sito Hornby. Dopo aver recuperato tutto – stavolta per davvero – riassemblai le due parti senza particolari problemi.
Il tutto però non mi soddisfava particolarmente; purtroppo il livello di dettaglio della cassa 402b Rivarossi/Hornby non è particolarmente elevato (nota: nel catalogo 2015 danno in uscita una nuova 402b in livrea Frecciabianca con un nuovo stampo, sicuramente più dettagliato). In particolare i respingenti non sono corrispondono a quelli reali poiché mancano le scalette e le dimensioni sono approssimative. Ho cercato di sopperire acquistando un set stampato in resina ma anche questo mi soddisfava poco; quindi ho optato per l’acquisto di un set di respingenti per la 402b Acme, che ho adattato con molta pazienza limando l’incastro con una limetta da unghie, così da non rovinarli. Il risultato è visibile in foto e secondo me faE.402b Rivarossi la sua bella figura. In secondo luogo ho sostituito il gancio anteriore “farlocco” con uno snodato in maglia metallica di produzione Hornby, a mio avviso ottimo (anch’esso visibile in foto). Visto che oramai avevo già fatto tanto ho stampato su carta fotografica gli interni delle cabine di guida e dopo averli ritagliati e accoppiati a del biadesivo li ho applicati dentro alla cassa; anche per essi è possibile vedere il risultato in foto.

Nella gallery potrete vedere il lavoro concluso e la locomotiva agganciata ad un set di tre carrozze Rivarossi Como UIC-Z più tre Roco Eurofima, rispettivamente due di seconda classe e una di prima ciascuna, così a formare un immaginario Intercity.

E.402b Rivarossi E.402b Rivarossi E.402b Rivarossi E.402b Rivarossi E.402b Rivarossi
Francesco
Seguimi su..

Francesco

Nasce nel 1981 tuttavia se ne rende conto solo qualche anno dopo.
Figlio di un ferroviere passa l'infanzia tra treni in scala 1:1, stazioni e depositi ferroviari. Se a questo aggiungete che il padre è anche un collezionista di treni in scala H0 la frittata è fatta. Collezionista da non tantissimo ma appassionato da sempre, adesso è impegnato nel far crescere la propria collezione ferromodellistica.
Francesco
Seguimi su..

Rispondi